Effettuare il login per consultare l'archivio on-line.

Password dimenticata? | Nome utente dimenticato?   | avviso legale | privacy


Giovedì, 23 Aprile 2020 21:43

Un saluto a Paolo Emilio Perenze.

Scritto da 

Coordinatore della redazione di OPERA

Di solito una tua battuta leggera, una tua garbata barzelletta mi cambiava il peso di una preoccupazione, ma il giorno di Pasqua non c’era la tua voce al telefono. Mi chiamava Angela per dire che ci avevi lasciati.

Eravamo in cammino insieme dal 1990 per creare e poi mantenere vivo un mondo sindacale ortopedico, la Nuova ASCOTI.

Lanciano, Pescara, Roma, Perugia le prime tappe e poi …sempre disponibile con i consigli e la passione affettuosa con cui hai lavorato per gli ortopedici.
Quanta forza nei tuoi suggerimenti, quanta visione umana e professionale nelle tue riflessioni! Una saggezza senza pari, capace di essere umile per proporsi nello stemperare liti e controversie.

Io mi sono sentito forte della tua presenza, sostenuto nel cammino dal tuo immancabile supporto. Caro Paolo, il mio non è un ringraziamento ed un ricordo solo personale, ma è la voce corale di espressioni sentite, non dettate dall’emozione di un momento.

Tutta la Nuova ASCOTI avverte il peso ed il dolore della tua assenza.
Ci mancherai.

Quanta umanità condivisa affolla la mente con il tuo amore per Angela, con le ansie e gioie vissute parlando della vita sempre esaltante ed emozionante delle nostre figlie: studi, matrimonio, impegno sociale, lavoro.
Io, e credo l’intero Consiglio Direttivo, ci siamo sentiti famiglia con te.
Che il Signore ci dia modo di conservare questo rapporto bello e profondo.

Presidente della Nuova Ascoti
Dott. Michele Saccomanno