Decalab

Decalab

Decalab Information Technology

Bari - Brindisi -

Lavoriamo per una tecnologia aperta. Per un web più libero.

Azienda con sede a Brindisi e Bari certificata ISO 9001:2008, è una società operante sul mercato ICT dal 2007 con sede a Bari e Brindisi.

Giovani informatici, giornalisti, web designer e creativi sono continuamente impegnati per trovare le migliori soluzioni che avvicinino cittadini e istituzioni all'IT consentendo loro di usufruire di beni e servizi in modo semplice e diretto.

(ANSA) - ROMA, 8 NOV - "La riforma del pronto soccorso così come è stata pensata è priva di una visione globale del sistema di accesso agli ospedali e del trattamento completo del paziente". Ad affermarlo è Michele Saccomanno, presidente del sindacato degli ortopedici Nuova Ascoti.

"Non si può non tenere conto, nell'ottica di una radicale 'ristrutturazione' dei pronto soccorso di 3 fattori che noi ortopedici riteniamo fondamentali, come il personale, tecnologie e luoghi dedicati. Senza questi 3 elementi, non si può immaginare che il paziente starà meno tempo al pronto soccorso", aggiunge.

"E' necessario prevedere una via differenziata per il ricovero ordinario medio-grave e il ricovero d'urgenza. Non si possono bloccare le tecnologie sull'urgenza tenendo gli altri pazienti in attesa per 24 ore. Bisogna confrontarsi con i medici che sono sul fronte e non pianificare riforme a tavolino senza ascoltare i medici e tutte le componenti interessate", sottolinea il presidente del sindacato.

"Serve rivalutare anche i tempi del turn over delle degenze ospedaliere e degli stessi posti-letto. Di questo passo, rischiamo di mettere una toppa peggiore del buco", conclude Saccomanno.

Il senatore Michele SACCOMANNO è stato confermato presidente del sindacato degli ortopedici Nuova Ascoti.

L'elezione, si legge in una nota, è avvenuta oggi, durante i lavori del 101esimo Congresso nazionale della Siot (Società italiana di ortopedia e traumatologia), in corso al Lingotto di Torino.

Sono stati, inoltre, eletti consiglieri: Federico Santolini, Paolo Monorchio, Carlo Gigli, Vincenzo Salini, Vincenzo Zottola, Donato Vittore, Giuseppe Mirabella, Attilio Rota, Pierfrancesco Sangregorio, Nicolò Galvano, Mario Sbardella, Luigi De Palma, Giulio Maccauro. Confermato nel ruolo di segretario Claudio Sarti, tesoriere Francesco Fadda. Eletti revisori dei conti: Angelo Leonarda, Giannicola Lucidi, Alfonso Ambrosone, Alberto Momoli. Al collegio dei probiviri: Michele d'Arienzo, Paolo Emilio Perenze, Vincenzo Riccio e Angelo Dettoni.

Michele Saccomanno e' il nuovo presidente della Societa' di Ortopedia e Traumatologia dell'Italia Meridionale ed Insulare (Sotimi). E' stato eletto durante l'assemblea generale dei soci svoltasi ad Alghero, nell'ambito del 109/o Congresso dal titolo "La mini-invasita' in ortopedia e traumatologia: luci ed ombre", e restera' in carica per il biennio 2016-2018.

"Confermare l'impegno per la societa' scientifica di essere una palestra professionale per i giovani ortopedici accompagnati da un costante confronto con chi ha maggiore esperienza e' uno degli obiettivi del mio mandato", ha dichiarato il neopresidente Saccomanno. (ANSA).

Strano che Esecutivo interloquisca solo con Cittadinanza Attiva

Roma, 14 dic - “E’ strano che un Governo trova interlocutori solo in Cittadinanza Attiva, quale interprete di un sistema sanita’ a dir poco in affanno. La legge di Stabilita’ e’ un’occasione ghiotta per approvare percorsi organizzativi che salvino dal default il Ssn”.
Ad affermarlo, in una nota, e’ l’on. dott. Michele Saccomanno, presidente del sindacato degli ortopedici Nuova ASCOTI. “La medicina difensiva trova la complicita’ di un Governo che, per populismo, affida al Tribunale dei Diritti del Malato l’unica valutazione delle soluzioni a qualcosa che mette in pericolo la salute dei cittadini, la professione medica e il rispetto delle gia’ poche risorse economiche”, conclude la nota.

(ANSA) - ROMA, 1 APR - Una ''proroga della vergogna di Stato''. Così Michele Saccomanno - ex senatore della XIV legislatura, componente della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del SSN e relatore dell'inchiesta sugli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (Opg) - commenta il varo del decreto che fa slittare la chiusura di tali strutture al 2015.

''Il Governo assicura per il futuro - afferma Saccomanno in una nota - un monitoraggio che fino ad ora non ha fatto e dobbiamo sperare che le Regioni, impegnate l'anno prossimo in una tornata elettorale, non coprano ancora una volta le loro coscienze dimenticando circa 1000 segregati negli OPG, poiché tanto non votano e sono un numero irrilevante di cittadini''.

''Nemmeno con i 150 anni dell'Italia riunita - conclude - ci siamo liberati di una vergogna di Stato riconosciuta anche dal presidente Napolitano''. (ANSA).

La Nuova A.S.C.O.T.I. rafforza il suo impegno in difesa dei diritti dei propri iscritti, come annunciato a Genova durante il Congresso SIOT 2013, garantendo la tutela legale gratuita in sede giudiziaria per le problematiche relative alla responsabilità professionale e sindacale.

Mettiamo a disposizione i nostri avvocati per le vostre richieste.

Il servizio è riservato ai soli iscritti della Nuova A.S.C.O.T.I., invitiamo pertanto i colleghi interessati ma non ancora iscritti a procedere con l’iscrizione contattando la Segreteria Nazionale.

Per maggiori informazioni potete rivolgervi ai nostri uffici al numero +390652244207 | +390652244207 o all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

Cordiali saluti

Michele Saccomanno

Presidente della Nuova A.S.C.O.T.I.

Tavola rotonda il 24 febbraio 2014 prezzo il Palazzo Venezia a Roma.

Di seguito il programma.

Mercoledì, 12 Febbraio 2014 00:00

Responsabilità professionale medica

Una delegazione della Società italiana di ortopedia e traumatologia, composta dal prof. Pietro Bartolozzi, dal prof. Paolo Cherubino, dall'on. Michele Saccomanno, dal dott. Andrea Piccioli e dall'avv. Ernesto Macrì, ha partecipato al tavolo di lavoro sulla responsabilità professionale medica istituito presso il Ministero della Salute.

Nel corso dell’incontro i chirurghi ortopedici hanno esposto la difficoltà a reperire sul mercato assicurazioni con premi contenuti anche a causa dell’anomalia legislativa dell’obbligo assicurativo non reciproco per le compagnie d’assicurazione.



Gli ortopedici sono, infatti, una delle categorie mediche più colpite dal contenzioso medico-legale e lamentano una fuga dei giovani medici dalla specializzazione per paura di future denunce. Per questi motivi hanno chiesto che venga inserita al più presto nella legislazione italiana la definizione di atto medico, escludendo così la citazione in giudizio del medico per omicidio colposo, e una revisione delle norme sulla responsabilità professionale contenute nel decreto Balduzzi che prevedano l’obbligo di assicurazione per la struttura, un controllo puntuale del rischio clinico attraverso unità operative ad hoc e responsabilità penale solo nei casi di colpa grave.

La Siot ha invitato, inoltre, il Ministero a riprendere il percorso di riconoscimento istituzionale delle società medico scientifiche, iniziato oltre un decennio fa, al fine di individuare interlocutori certi e qualificati per le riforme in materia sanitaria.

Giovedì 30 gennaio alle ore 18.00 presso il Salone di rappresentanza della Provincia di Brindisi si terrà la tavola rotonda dal titolo “La salute è un investimento”.

L’evento è promosso dall'Associazione “La bottega delle IDEE”, di cui sono Presidente e Direttore scientifico.

Interverranno Giovanni Bissoni Presidente Age.Na.S., Elena Gentile Assessore al Welfare della Regione Puglia, Raffaele Calabrò Componente XII Commissione Affari Sociali Camera dei Deputati, Fabio Rizzi Presidente Commissione Sanità Regione Lombardia, Paola Ciannamea Direttore Generale ASL BR e Silvia Gasparetto Giornalista ANSA..

Il dibattito sarà preceduto dalla proiezione di un video con dati statistici e riflessioni di operatori e si pone l’obiettivo di produrre un’ipotesi progettuale di rivalorizzazione sanitaria al fine di creare un’area-modello, come avvenuto nel 1995, sempre a Brindisi, con l’allora Ministro della Sanità Elio Guzzanti.

Locandina in pdf

Venerdì, 17 Gennaio 2014 12:32

Contenzioso medico legale

Siot e Nuova Ascoti: "Spot tv lesivi nostra professione"

Per gli ortopedici e traumatologi è giunta l'ora di "smetterla di giocare al tiro al piccione". Specie in un momento così difficile per la sanità italiana, per il presidente Siot, Cherubino iniziative come quelle dello spot su presunti casi di malpractice non fanno che "inasprire il rapporto medico- paziente".

"È ora di smetterla di giocare al tiro al piccione. Proprio in un momento particolarmente difficile per la sanità italiana, anziché avvicinare i medici ai pazienti, o viceversa, si cerca di inasprire il rapporto medico-paziente con campagne televisive discutibili e pretestuose”. È quanto afferma, in un comunicato, il presidente della Società italiana di Ortopedia e Traumatologia (Siot), Paolo Cherubino, in merito agli spot Tv sui presunti casi di malpractice.

“Non è cosi – continua - che si risolvono i problemi della malasanità, ma individuando politiche serie e strumenti adeguati volti a migliorare il nostro sistema. Continuando di questo passo il mondo medico rischia di essere vittima di un contenzioso alimentato da queste campagne mediatiche.

L'ortopedia, già enormemente penalizzata dal caro polizze, è la classe medica più a rischio che andrebbe supportata e sostenuta in maniera differente. A questo punto sarebbe opportuno - prosegue Cherubino - stabilire un tetto massimo ai risarcimenti come avviene in tanti altri Paesi civili.

Auspico un intervento immediato del ministero della Salute e del Garante della pubblicità a tutela di tutti i medici italiani e in particolare di quelli che trascorrono intere giornate dentro la sala operatoria per salvare vite umane".

"È giunto il momento - conclude il presidente della Siot - che il Governo intervenga con politiche serie e a lungo termine per migliorare la preparazione del personale medico e a creare quei presupposti indispensabili per lo svolgimento della nostra professione. Se non si interviene in maniera decisa e tempestiva nel giro di pochi anni le sale operatorie saranno pressoche' vuote di personale sanitario".

Dello stesso avviso anche Michele Saccomanno, presidente del sindacato degli ortopedici e traumatologi italiani (Nuova Ascoti). “Basta con le operazioni di sciacallaggio a danno dei medici.

Mentre il Governo dorme e il Ministro della Salute è affaccendato in altre faccende, in tv vanno in onda messaggi che compromettono negativamente il lavoro serio che il personale sanitario svolge negli ospedali di tutta Italia. I nostri governanti - conclude Saccomanno - dimenticano, con la loro inerzia di fronte a una questione tanto delicata come il tracollo del sistema sanitario, che la possibilità di esercitare la professione medica in serenità è motivo di sicurezza per i cittadini. ”

Fonte: Quotidiano Sanità

«InizioPrec12SuccFine»
Pagina 1 di 2